Tessitura

Dolce peso tu porti, o Vergine Santa.
Tesse un prodigio l’Altissimo Dio
nel tuo purissimo seno: il suo Verbo
(dalla Liturgia)

Il tessere è un’arte e perciò il tessitore è un artista, come lo definisce san Francesco:

«Chi lavora con le sue mani è un lavoratore,
chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano,
chi lavora con le sue mani, la sua testa e con il suo cuore è un artista».

La tessitura può essere definita come l’intreccio perpendicolare di due serie di fili paralleli dove solo i fili longitudinali (ordito) fanno delle evoluzioni, alzandosi ed abbassandosi, mentre i fili trasversali (trame) vengono semplicemente introdotti, con una navetta, nell’apertura (bocca o passo o anche varco) formata dai primi. La tensione degli orditi non deve essere né troppo lenta né troppo tesa, ma equilibrata: così come deve essere la nostra vita. Se sono troppo tesi infatti si spezzano, se sono troppo lenti, il tessuto non è fitto e impedisce una corretta tessitura. È anche molto significativo il fatto che la navetta venga introdotta nell’apertura da sinistra a destra e viceversa con un movimento costante: la monaca che tesse ogni giorno compie quindi lo stesso movimento da sinistra a destra, quasi partendo dalle tenebre e aprendosi un varco, un passaggio verso la luce.

Semplici sono i nostri telai e semplice… è il nostro tessere!

Nel nostro laboratorio di tessitura realizziamo ciò che occorre al culto divino, con disegni esclusivi e con filati di cotone, lino.
Tra i simboli da noi introdotti nei paramenti liturgici, significativo è quello dell’ape, prezioso insetto a cui sono stare assegnate molte valenze simboliche in tutte le culture fin dall’antichità. Alle api si sono ispirati anche i Padri della Chiesa additandole come modello ai fedeli e invitandoli a imitarne la prudenza, la laboriosità, la capacità di ricavare un solo miele da molti fiori, cioè di fare tesoro del bene e delle virtù che si incontrano in svariati eventi e persone.

Su commissione si realizzano:

stole, galloni per casule, copri-altare, copri-leggìo, copri-lezionario, copri-ambone, copri bibbia e sacchetti per corone del Rosario.

Vengono realizzate anche strisce tessute in cotone o lino, per ambienti.

Per l’acquisto dei nostri manufatti di tessitura:
potete chiamare la portineria del Monastero al n. 0322 90324/90156,
oppure scrivere una mail all’indirizzo

Contatti

Per informazioni e l’acquisto dei nostri manufatti in tessitura:

Abbazia Benedettina “Mater Ecclesiæ”
Isola san Giulio  28016 Orta (NO)
Tel. 0322 90324/90156
restauroisola@gmail.com