Pubblicazioni

Tu mi hai preso per mano

2011 , EDB, Bologna

L’educazione è prima di tutto “educazione dell’amore” ed il suo compito principale è condurre ad una maturità sempre più piena, che passi dall’amore infantile all’amore autentico, aperto all’accettazione degli altri come tali.

Ecco perché «si diventa educatori solo se si entra nella stessa logica divina del dono di sé, secondo la quale l’educazione non è regola e comando, ma un insegnamento vitale, una comunicazione di vita che plasma mente e cuore» (dall’Introduzione).
L’educazione si rivela, dunque, un’opera a imitazione di quella divina e che del divino ha necessariamente bisogno per realizzarsi davvero.
Dalla collana Itinerari
Per maggiori informazioni

Potrebbe interessarti anche..