I Domenica di Avvento / B

I Domenica di Avvento / B

Dicembre 3, 2023 |

La liturgia della prima domenica di Avvento ci invita ad andare incontro al Signore che viene e al tempo stesso a prepararci al suo ritorno finale ricordando e rivivendo la sua prima venuta nell’umiltà della carne.

Dal Vangelo secondo Marco (13,33-37)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare. Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».

Dal Vangelo secondo Marco (13,33-37)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare. Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».

Lo dico a tutti: vegliate!

L’Avvento è, perciò, insieme memoria di quanto è già avvenuto e attesa di quanto avverrà; ma in mezzo a queste due prospettive – passato e futuro – c’è il presente, l’oggi della presenza del Signore in mezzo a noi.

Cristo, la vera salvezza

Nella condizione umana in cui ci troviamo, nella situazione storica del nostro tempo – come del resto di tutti i tempi – ci sono tanti motivi di sofferenza e di tristezza, eppure dobbiamo immettere dentro quest’atmosfera, ancora asfissiante e angosciante, la gioia che ci porta il Signore. Dobbiamo alimentare nelle nostre anime l’amore e l’attesa di Cristo e fare sì che siano come scintille che si propagano e giungono a illuminare l’intera umanità, perché tutti coloro che cercano gioie illusorie possano ricevere Gesù Cristo, la vera gioia di salvezza.

Nel tempo cronologico, che è scandito dal ritmo incessante di giorni e ore, si è inserita l’azione salvifica di Dio. Nel tempo cronologico in cui si nasce, si cresce, si declina e si muore si inserisce quello della grazia che ci fa ringiovanire e rifiorire nella vita immortale. Dobbiamo accogliere con molta serietà e con molta gioia e gratitudine questo dono per riorientarci bene verso la mèta. Non sappiamo quale sarà il momento in cui si fermerà il tempo della nostra terrena esistenza ed entreremo nell’eternità con i frutti prodotti in base ai quali saremo giudicati. Per questo Gesù come con uno squillo di tromba oggi ci invita a vegliare: «Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento».

Un giudizio di misericordia

Il Signore, che è tornato al Padre ed è rimasto con noi con la sua grazia e con il suo Spirito per accompagnarci, ci giudicherà, valuterà quale sia stata la nostra risposta al suo amore, come lo avremo accolto, che cosa avremo fatto della sua bontà e della sua magnanimità. Ci chiederà il frutto dei talenti di natura e di grazia che ci ha dato.

Sarà un giudizio di amore e di misericordia ma anche giusto. Dove non c’è la vigilanza e lo sguardo della fede per cercare il Signore e per leggere anche gli eventi della storia, c’è già la morte, si è come addormentati, immersi nelle tenebre, ma il Cristo, che è già venuto e che viene, è la luce! Quindi noi dobbiamo vivere vegliando, perché Colui che è la luce ci liberi completamente dal potere delle tenebre che sempre cerca di avvolgerci. Cristo ci giudica secondo la sua grazia ed è desideroso di perdonarci perché vuole vedere belle, sante e felici tutte le creature, ma non possiamo accogliere questo dono se anche noi non desideriamo amare e non ci impegniamo nel lasciarci purificare dalla sua Parola e nel fare il bene. Ogni giorno dobbiamo ricordarci di agire in tutto come si comportava Cristo, e allora non avremo più paura che il Signore venga e operi su di noi il giudizio, perché sarà senz’altro un giudizio da cui usciremo assolti e colmati di gioia. Chiediamo al Signore di rendere i nostri cuori attenti alle sue visite e accoglienti, per andare a Lui insieme con tutta l’umanità malata e dispersa, che ha bisogno di essere radunata, perdonata e rafforzata nel bene.

Preghiera

Signore Gesù,

tienici vigilanti in preghiera

fino all’ultima ora della storia.

La nostra preghiera vegli con amore

sui piccoli e gli innocenti,

sui deboli e gli indifesi.

Tutti ci poniamo sotto il tuo sguardo

che sempre veglia sul gregge

sparso su tutta la terra

per radunarlo nell’ovile del Cielo.

Amen.

Potrebbe interessarti anche..

This site is registered on wpml.org as a development site.