XXI Domenica del Tempo Ordinario

XXI Domenica del Tempo Ordinario

Agosto 22, 2021 |

Nel Vangelo odierno Gesù ci sollecita a rinnovare la nostra professione di fede, e a farlo con atti concreti, con una condotta di vita coerente.

Dal Vangelo secondo Giovanni (6,60-69)

In quel tempo, molti dei suoi discepoli, dopo aver ascoltato, dissero: «Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?». Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano riguardo a questo, disse loro: «Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita. Ma tra voi vi sono alcuni che non credono». Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E diceva: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre».

Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui. Disse allora Gesù ai Dodici: «Volete andarvene anche voi?». Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».

Dal Vangelo secondo Giovanni (6,60-69)

In quel tempo, molti dei suoi discepoli, dopo aver ascoltato, dissero: «Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?». Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano riguardo a questo, disse loro: «Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita. Ma tra voi vi sono alcuni che non credono». Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E diceva: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre».

Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui. Disse allora Gesù ai Dodici: «Volete andarvene anche voi?». Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».

Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna

A volte ci lamentiamo perché questa vita è triste e faticosa, ma quando ci fermiamo a queste considerazioni è perché non abbiamo ancora gustato quanto è buono il Signore e non crediamo fino in fondo che Egli è già con noi e ci ha già trasferiti con Lui nel Regno dell’eterna vita, nella vera gioia che non passa e che nessuno ci può togliere.

Una fedeltà a tutta prova

La via della santità consiste nel camminare umilmente con il nostro Dio nella fede, nella speranza e nella carità, accettando ogni giorno di seguirlo e di accogliere la sua volontà, anche se il cammino che Gesù ci indica è esigente. La vita non è un viaggio facile e piacevole, è anzi una scalata ardua perché comporta che superiamo sempre noi stessi, la sfera della nostra natura incline a non affrontare la fatica e il sacrificio. Per seguire Gesù bisogna invece abbracciare la croce come Lui, bisogna credere che l’amore crocifisso dà la vita e fa entrare nella pienezza della vita. Dobbiamo quindi aderire ogni giorno a Gesù, senza tirarci indietro, senza paure e senza stanchezze, rimanendo saldi nella fede.

È perciò sempre necessario accogliere la grazia che il Signore ci offre per crescere nella fede e nella conoscenza del suo amore e riconoscere con risolutezza ogni giorno e in ogni circostanza che non abbiamo nessun altro salvatore che Gesù. Nessuno lo può sostituire. Non lasciamo che il nostro cuore si indurisca e si chiuda, ma apriamoci ad accogliere la presenza di Dio, il suo amore che ci salva e ci rende con Lui strumento di salvezza per gli altri. Siamo figli della luce, tutto in noi deve essere trasparente, luminoso: rivestiti di Cristo, dobbiamo veramente mostrare la sua bellezza, la sua santità che attira e che dà la gioia di una vita che non è soltanto temporale e terrena, ma eterna, celeste e divina.

La nostra vera gioia

Gesù oggi rivolge anche a noi la stessa domanda che aveva posto ai “Dodici”: «Avete forse deciso di andarvene anche voi?». Dobbiamo essere leali e dare una risposta chiara e ferma. Davanti a qualche difficoltà, a qualche esigenza della nostra fede o della nostra vocazione che ci sembri superiore alle vostre forze, chiediamoci davvero: c’è una parola, c’è qualcuno che sia degno di essere seguito più di Gesù Cristo? Ogni giorno dobbiamo affidarci a Lui con umiltà e aprirci ad accogliere la verità, per conoscere che il Signore Gesù è il Santo, è Colui che è venuto mandato da Dio Padre a redimere e santificare l’umanità. Lui non solo ha parole di vita eterna, ma è la Parola di vita eterna! Tanto facilmente possiamo trovarci davanti a situazioni in cui crediamo di agire in modo giusto e normale, ma in realtà voltiamo le spalle a Gesù; facciamo allora scelte secondo il nostro criterio umano, le nostre misure, i nostri gusti, le nostre convenienze, mentre siamo chiamati a seguire Gesù in modo totale affidando a Lui la vita. Tutto dobbiamo vivere alla luce di questa parola che è Cristo, parola di verità, parola di vita, parola di amore, che dà la pace e la gioia. Se il nostro cuore è unito a Lui e sempre rivolto a Lui, allora nulla più ci può turbare.

Preghiera

Sì, queste sono parole dure anche per noi, Signore,

perché la realtà del tuo sacrificio

ci attesta l’amore tuo e del Padre,

ma anche il nostro peccato,

il bisogno di convertirci

per essere perdonati.

Signore Gesù,

non lasciarci andare dietro a qualcuno

che ci dica parole meno dure,

meno esigenti

che ci proponga più facili strade…

Tu solo sei il vero Pane

che può saziare la nostra fame. Amen.

Potrebbe interessarti anche..