Per vivere la liturgia del giorno

Il primato dell’amore.
Santa Scolastica

Febbraio 10, 2021 |

O Santa Vergine Scolastica, dolce sorella del Padre Benedetto, che per la tua intensa preghiera e il tuo più grande amore sei stata esaudita dal Signore, con la tua potente intercessione ottienici un’abbondante pioggia di grazia affinché, nulla anteponendo all’amore di Cristo, facciamo della nostra vita un’incessante preghiera a salvezza di tutto il mondo. Amen.

Madre Anna Maria Cànopi

Surge…! Alzati amica mia, mia colomba, vieni, l’inverno è passato… Così si canta nel bell’introito della festa di S. Scolastica (10 febbraio), ed è un lieto annunzio di primavera. Perché? Perché in questa Santa si evidenzia al massimo il primato dell’amore. Sorella di S. Benedetto di Norcia, quando muore viene da lui vista entrare nelle altezze del cielo sotto forma di colomba: simbolo di innocenza e di semplicità. Passa dalla terra al cielo, lasciando dietro di sé una scia luminosa, quasi una segnaletica per raggiungere il cielo con le ali dell’amore.

Consacrata al Signore in tenera età, Scolastica soleva far visita al fratello una volta all’anno in una casetta situata nei pressi del monastero di Montecassino. Un anno, dunque, venne come di solito e Benedetto scese da lei. Trascorsero l’intera giornata nella lode divina e in colloqui spirituali; al calar della sera, presero cibo insieme. Ormai s’era fatto tardi e la monaca supplicò il fratello di fermarsi fino al mattino a parlare con lei delle gioie della vita celeste, ma si sentì opporre un austero rifiuto.

Ascolta il canto dell’introito della S. Messa di S. Scolastica

Poté di più colei che amò di più

Leggi Tutto

Potrebbe interessarti anche..